Home / Artisti / 9TERRE e Libero: il nuovo album del “cantautore col sequencer”
9TERRE Libero Musica
9TERRE-Libero

9TERRE e Libero: il nuovo album del “cantautore col sequencer”

Un album intenso

Il cantautore dal nome eccentrico Libero, esce con il nuovo album “9TERRE”. Il lavoro discografico percorre una strada cantautoriale ben definita su sentieri intrecciati tra le storie della sua terra e l’intimo della sua interiorità.

La Sicilia è la terra che Libero ama superiormente e ne trae tutti i benefici artistici, trasferendo ogni emozione nel sound profondo e fluido dell’album. Le fermate artistiche emozionali sono nove, una raccolta di mondi che nascono nell’animo del cantautore siciliano, incontrandosi e scontrandosi, a volte opposti, selvaggi e quadrati in cui lui stesso si ritrova nel mezzo.

La geniale particolarità dell’album “9TERRE” è la miscellanea di brani cantati in italiano e siciliano. A nostro parere un album molto bello e accattivante, anche se la tradizione siciliana, lo vorrebbe più famoso.

L’album è stato anticipato dal brano “Au Maghreb” un successo sia in internet che di live. Il percorso artistico di Libero, parla di numerosi concerti del “cantautore col sequencer” scoprendo un’ottima critica e pubblico.

Biografia

Libero è un artista interessante, già partendo dalla sua dimora a Santo Stefano Quisquina (AG), una casetta di legno sui monti Sicani vicino al Teatro Andromeda.

Eccelle la preparazione artistica e musicale, proponendo l’abile utilizzo di strumento quali la chitarra acustica, elettrica, mandolino, armonica, ukulele, piano, didgeridoo, Pad e Synth elettronici. Ascoltando il “cantautore col sequencer” si percorre il sound Ethnic, Electro, Indie e Folk.

Il primo album, pubblica nel 2016 porta il titolo di “Alien Passengers” col lancio in città quali Palermo, Roma, Milano, Firenze ed Arezzo. Nel 2017 pubblica il singolo “Binnajaah” (Buona Fortuna) molto seguito su YouTube, grazie anche al passaggio in molte radio nazionali.

Libero è stato accolto anche nel mondo del cinema, componendo colonne sonore tra cui ricordiamo “La Patente” di Giovanni Gaetani per il Centro Sperimentale Cinematografia di Roma, partecipando alle selezione del prestigioso Festival “Visions du Reel” in Svizzera.

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*