Home / Rubriche / Recensioni / Alvvays: Alvvays album più importante del indie-pop
recensione, album, musica, canada, insie pop
The Alvvays

Alvvays: Alvvays album più importante del indie-pop

Alvvays

Una band di amici eterni

 

Giungiamo in Canada e scopriamo gli Alvvays, una band indie-pop e parliamo del loro album debutto omonimo “Alvvays”. Siamo nel 2014 e l’avanguardia è un ritmo pop e surf beat di facile ascolto, il sound non impegnativo, l’attenzione si sposta sui testi. Come affermano i maggiori critici internazionali, “Alvvays” è considerato l’album culto dell’indie-pop. La band si avvale della collaborazione di Chad VanGaalen e di Graham Walsh. Una canzone in particolare “Next of Kin” ci colpisce quando si ascolta il testo: si passa dalla felicità al dramma. La storia inizia con una relazione sentimentale di attrazione completa e felice, e si ferma con un annegamento. Un improvviso trauma che è vissuto dall’amante con tutte le sfaccettature: potevo salvarlo, perché è successo e perché proprio a me. Una canzone semplice e stridula che ci ha colpito molto, per la tragicità della fine, dal gioioso inizio.

L’album è denso di belle canzoni, orecchiabili e melodiche, la voce di Molly Ranking è gentile e intonata. I brani sembrano pazzi, andrebbero suonati con più “aria”, certo è personalizzare il genere indie- pop, cioè caratterizzare un genere sulla la propria proposta musicale artistica e concettuale.

Un piccolo cenno di paragone con il secondo lavoro “Antisocialites” si presta la voce della front woman, la quale sembra più sicura nel cantato e meno propensa a coprire le incertezze.

 

Biografia

Allvays è una band formatasi da ragazzi che si conoscono fin dall’infanzia: Molly Rankin, Kerri MacLellan, Alec O’Hanley, Brian Murphy e Phil MacIsaac. La città di origine è Toronto in Canada e Molly Rankin è figlia del violinista John Morris Rankin, il quale ha preso parte alla Rankin Family, band famosa negli anni Novanta del genere celtic-folk. Nel 2017 esce il secondo album della band “Antisocialites” avendo un buon successo.

 

Perché acquistare: Un bel indie-pop che cattura l’attenzione, personalizzato.

Perché non acquistare: Bisognerebbe acquistare anche il secondo album per assaporare le differenze musicali.

 

Traklist

  • Adult Diversion – 3:28
  • Archie, Marry Me – 3:17
  • Ones Who Love You – 3:47
  • Next of Kin – 3:48
  • Party Police – 3:48
  • The Agency Group – 4:31
  • Dives – 2:57
  • Atop a Cake – 3:20
  • Red Planet – 3:59

Dove acquistare: “Alvvays”

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*