Home / News / Compilation “Cantautori del terzo millennio” della Settima Nota
LA SETTIMA NOTA COMPILATION
LA SETTIMA NOTA COMPILATION

Compilation “Cantautori del terzo millennio” della Settima Nota

La Settima Nota Compilation

Conclusasi la prima edizione della rassegna di musica e di arti convergenti La Settima Nota, ecco che esce la compilation con le canzoni che hanno partecipato alla manifestazione.

Il titolo emblematico è “Cantautori del terzo millennio” e racchiude tutto il bello musicale che si è ascoltato. La compilation è prodotta, ideata e progettata dallo staff della label milanese Long Digital Playing in collaborazione con LS Studio.

Il pubblico che è alla ricerca di musica, sonorità e testi originali e di qualità deve assolutamente avere la compilation. La creatività degli autori porta all’uscita di dieci canzoni che hanno partecipato alla prima edizione della rassegna La Settima Nota, dove gli artisti si sono esibiti con arti e musica convergenti.

La raccolta di brani ha percorso la strada dei songwriter o cantautori e così ci sono artisti ispirati alla figura del songwriter tradizionale del folk americano e altri vicini al teatro canzone degli chansonnier francesi.

La musica che si ascoltava con il giradischi non c’è più: chi ha ancora questi mezzi se li tenga stretto, valgono molto. Come afferma il Direttore Artistico della manifestazione Luca Bonaffini, questo è il contesto magnetico della visione forse incompleta ma saliente, della musica d’autore contemporanea che si ispira a quella del passato.

Il gruppo di musicisti ha condotto la loro creatività a sperimentare e modernizzare gli anni Settanta e Ottanta, vedendo sul palco tutti gli stili e grado di età. Alla compilation partecipano: Farinato, Francis(Q), Marsciani, Centolanza, Fogliati, Aram & Sona, Cardullo, Negro e Morelli, The Uncles, Prato.

I nomi sono scritti e con questi protagonisti parte il primo viaggio emozionale e musicale unplugged che, a malincuore rimpiangiamo il vinile, perché, se proviamo a immaginare di passare come un tempo davanti a un negozio di dischi, non avremmo resistito al fascino evocativo della musica che, negli anni Ottanta e Novanta, avrebbe fatto da colonna sonora alle nostre emozioni quotidiane.

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*