Home / Rubriche / Cinema / Il film “Il cercatore di Infinito” vince alla 77 Mostra del Cinema di Venezia
Federico Massa vince con Armando Aste Film
Federico Massa vince con Armando Aste

Il film “Il cercatore di Infinito” vince alla 77 Mostra del Cinema di Venezia

Federico Massa Miglior Produttore

Si è chiusa la Mostra del Cinema di Venezia dell’anno 2020, organizzata per tenere i fondi arrivati, e per dare ancora a Venezia quella luce mondiale della sua bellezza.

In questa edizione, il nostro Paese, è stato ampiamente premiato, noi diciamo finalmente, perché nelle nostre Accademie di Teatro e scuole ci sono tanti bravi attori e addetti ai lavori.

Il premio di Log To Green Movie Award è andato a Federico Massa come miglior produttore di un film di impegno ambientale e sociale.

Il titolo del film è “Il cercatore di Infinito” cioè una pellicola che ha visto la scenografia di paesaggi e tradizioni del Veneto e del Trentino Alto Adige.

Log To Green Movie Award 2020

Il Log To Green Movie Award è arrivato alla sua quarta edizione. Fu istituito nel 2016 da Log To Green e da Cremonesi S.r.l. e consegnato all’opera, attori, registi che hanno trasmesso meglio al pubblico i temi della sostenibilità̀ e dell’impegno alla promozione di buone pratiche per mitigare i cambiamenti climatici.

Federico Massa vince il premio perché ha dedicato il film alla promozione dell’impegno ambientale, ma anche sociale.

La cerimonia si è svolta nella Settima Arte di sabato 12 settembre nella cornice della 77 Mostra del Cinema di Venezia.

La riconoscenza ha questa motivazione: per “l’impegno alla promozione dei valori della Sostenibilità e della Responsabilità Sociale e… lo stimolo a farsi portavoce di questi valori”.

Il cercatore di Infinito

Questo film è il documentario di Andrea Azzetti e Federico Massa dedicato alla grande figura di Armando Aste, grandissimo scalatore originario di Rovereto, poeta della montagna, uomo di pensiero e di anima che ha fatto dell’alpinismo un’occasione preziosa di riflessione umana ed etica, ponendosi come esempio per le nuove generazioni.

Il film è prodotto da diverse realtà imprenditoriali legate al cinema e alla montagna, ponendo l’accento sulla bella collaborazione tra Veneto e Trentino per ricordare la mitica figura di Armando Aste.

Una frase riecheggia di Armando Aste: “Dio non mi chiederà quante montagne ho conquistato ma cosa ho fatto per gli altri.”

Questo documento cinematografico porta al pubblico i luoghi che hanno formato l’uomo e l’alpinista, andando all’origine della sua Fede. Come si conosce il viaggio termina in Africa, all’inaugurazione di un ospedale realizzato con una donazione di Aste.

La riflessione sui valori che ispirano la montagna si apre a una riflessione sull’uomo e i suoi limiti.

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*