Home / Rubriche / Interviste / Intervista a Fabio Zuffanti: Franco Battiato La voce del padrone
franco battiato, zuffanti, donella del monaco, intervista
Intervista a Fabio Zuffanti

Intervista a Fabio Zuffanti: Franco Battiato La voce del padrone

La consacrazione del fenomeno

 

  • Il suo libro parla del primo periodo di Battiato, dalla nascita al suo primo reale successo. E’ forse il periodo meno conosciuto, parlo dei suoi inizi artistici, un periodo che però è forse tra i più movimentati, irrequieti ed intensi. Alcune personalità di quel periodo sono scomparse, come il geniale Gianni Sassi fondatore della mitica CRAMPS: com’è riuscito ricostruire quel periodo così vitale ed eclettico?

Seguo con passione il cammino artistico e umano di Franco Battiato fin da quando ero ragazzino – l’epoca de “La voce del padrone”. Negli anni ho letto tutto quello che è stato pubblicato sul musicista siciliano e mi sono reso conto che moltissimi aspetti del suo lavoro erano tralasciati o non erano sufficientemente approfonditi. Era da qualche tempo che sognavo la pubblicazione di un libro che potesse invece sviscerare maggiormente le varie ispirazioni che stanno dietro ai suoi dischi (specie quelli dell’epoca sperimentale), il punto di vista dei collaboratori che si sono susseguiti nel corso degli anni (per raccontare le vicende da angolature diverse), le influenze più o meno manifeste dei testi. Uno studio che scendesse in profondità nell’analisi del tessuto musicale, che chiarisse diversi punti oscuri nella storia del nostro, che descrivesse criticamente positività e idiosincrasie del personaggio e molto altro. Ho aspettato a lungo di leggere un volume del genere e siccome non arrivava a un certo punto, ho deciso di scriverlo io.

 

  • Anche Giusto Pio, compositore ed eccezionale violinista è recentemente scomparso , a noi particolarmente caro perché di queste zone. Come ha ricostruito il loro importante rapporto?

Molti dettagli su questo bellissimo rapporto mi sono stati forniti dai suoi collaboratori-amici che ho appositamente intervistato, molto altro è uscito fuori dalle varie dichiarazioni d’epoca che sono andato a ricuperare da riviste, libri, siti internet e quant’altro.

 

  • Scorrendo le pagine del suo libro si coglie la precisione del lavoro di raccolta d’informazioni, notizie e dati, ma anche il tuo personale interesse verso Battiato per la sua apertura musicale, nel muoversi in modo trasversale nella musica, dal pop alla sperimentazione, al Prog alla canzone d’autore, sempre con spessore artistico. Vuole darci un suo commento?

Franco è un personaggio incredibile, un artista unico in Italia, sempre fuori dagli schemi, di grande coraggio e sincerità. Egli è artefice di un cammino peculiare e senza compromessi che comincia con la musica leggera, si muove verso l’estrema sperimentazione e infine torna a lambire i territori del pop forgiando una nuova forma di canzone grazie alla quale Franco Battiato troverà successo e fama, sempre con il lasciapassare della sua grande intelligenza, sensibilità e senso esatto della realtà.

In collaborazione con il salotto culturale Chez Donella Treviso

Dove acquistare il libro: qui

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*