Home / Rubriche / Interviste / Intervista a Gabriele D’Alonzo: esce il nuovo album Metamorphosis
Gabriele D'Alonzo Metamorphosis Musica
Gabriele D'Alonzo - Metamorphosis

Intervista a Gabriele D’Alonzo: esce il nuovo album Metamorphosis

Album Due Sperimentale

  • Chi è Gabriele D’Alonzo?

Sono un musicista, compositore e tastierista nato a Monfalcone (GO). Il mio rapporto con la musica inizia all’età di tredici anni, su una tastiera “Bontempi” che possiedo ancora e custodisco gelosamente. Negli anni seguenti sono iniziate le mie prime performance musicali con alcune giovani band pop-rock del Monfalconese alla fine degli anni Novanta, decidendo di continuare e approfondire questa passione. Ho iniziato a comporre musica molto presto dopo l’approccio con gli studi di pianoforte classico e con diversi stili musicali. Oggi definisco il mio stile musicale contemporaneo, spontaneo, introspettivo, riflessivo e romantico, si basa principalmente sul pianoforte. La mia musica è caratterizzata da una velata malinconia, da un romanticismo sottolineato da note emozionali, melodie che mi distinguono e contraddistinguono. Il mio primo album si intitola #Introspective ed è stato autoprodotto e pubblicato nel 2015.

  • La musica non si ferma mai: e lei?

Fortunatamente la musica non si ferma mai e guai se fosse cosi, la considero la mia “essenza”, mi nutro di essa tutti i giorni, alimenta la mia anima, il mio cuore e le mie emozioni, non potrei farne a meno. La “fortuna” di poter fruire ogni giorno di musica, mediante i molteplici dispositivi elettronici, attraverso i social media, “Spotify e Youtube” e ad altri servizi per lo streaming musicale, ho avuto modo di ascoltare molta musica in questi anni e la possibilità di “scoprire” e conoscere artisti emergenti con la stessa mia passione. Direi che non ho proprio intenzione di fermarmi, anzi in questi mesi di preparazione, mixing e mastering, ho realizzato altri brani che sono già pronti per essere “sviscerati” ed elaborati per il terzo album!

  • Ci parli del suo ultimo lavoro?

Durante la fase promozionale dell’album, in particolare nei live e in alcune “improvvisazioni” ad esempio all’Auditorium Casa della Musica di Roma, ho avuto la fortuna di incontrare e conoscere, durante una performance del brano #Introspective, la cantante lirica Laila Santangelo, la quale catturata dalla mia musica, ha improvvisato accompagnandomi con una melodia il brano che stavo suonando. Nascono un’amicizia e un progetto, che mi ha portato a scrivere “Fragile” uno dei brani presenti nel disco. Attraverso i social media ho avuto l’opportunità di entrare in contatto, con il violinista compositore e arrangiatore Stefano Zeni, collaboratore di Eugenio Finardi, di Antonella Ruggiero e di Fabio Concato, per citarne qualcuno, e fin da subito è iniziata una bellissima intesa, sintonia e sinergia in comunione. Da questo episodio, nasce l’idea di affidargli alcuni arrangiamenti di archi e “solo”, inseriti nell’album e registrati nel suo studio a Desenzano del Garda. Da queste significative esperienze musicali, sono nate nuove idee che hanno alimentato e generato la realizzazione di un nuovo album con un sound molto particolare.

  • Come mai ha aggiunto queste collaborazioni, si è stancato di suonare da solo?

Dopo un periodo di transizione, di cambiamenti, di studio, determinazione, costanza e perseveranza, io ho sentito il bisogno di proporre qualcosa di nuovo, di arricchire il mio sound e quindi di registrare, “Metamorphosis”, un album strumentale che raccoglie dieci brani di “trasformazioni“ musicali. Il disco è molto ricco di suoni, ha un sound innovativo, alternativo ed è sicuramente più elettronico rispetto #Introspective.

  • Quali stimoli l’hanno portata a maturare e riproporsi con il nuovo album?

Mi sono concentrato nell’osservare le situazioni che mi circondano e l’evoluzione dei comportamenti che si modificano in base ai cambiamenti, sono stato l’attore e il regista del mio “Mondo” e nel mio “Universo”. Il nuovo lavoro è stato impreziosito dall’intervento artistico del mio amico violinista Stefano Zeni e dalla costante supervisione di Francesco “Franz” Contadini, noto produttore, pianista e Dj, a cui ho nuovamente affidato il mixing e il mastering realizzati nel suo studio di registrazione “SupersonicStudio”, di Cervignano del Friuli (UD), e sono pienamente soddisfatto del risultato finale. A questo punto? Ho bisogno di un manager e di un’agenzia che mi possa permettere di suonare e diffondere la mia musica, ovunque!

Il 10 gennaio 2019 l’etichetta discografica RNC MUSIC Srl di Milano pubblica l’album “Metamorfosis”, e il 15 marzo è pubblicato in tutte le piattaforme digitali (Spotify, Itunes, Beatpord, Deezer, Amazon, Google Play). Il CD si può trovare anche on line.

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*