Home / Rubriche / Interviste / Intervista a Malandrino – Una come te
dance, po, cantautore
Malandrino

Intervista a Malandrino – Una come te

MALANDRINO

 

Fuori dagli schemi – On the road

 

  • Chi è Malandrino?

Ho tenuto il mio cognome come nome d’arte prima di tutto perché mi piace, ma anche perché da piccolo i miei genitori e le persone a me vicine me lo dicevano simpaticamente spesso: “Tu sei malandrino!” “Non fare il malandrino!”

Sono un giovane cantautore e dall’età di diciannove anni, grazie a Marco Adami che mi ha scoperto, ho firmato un contratto di produzione musicale e i miei singoli sono presenti in Hit Mania e in altre compilation di successo, da qui è iniziato un percorso di scrittura e composizione di musica sul genere dance.

 

  • Come descriveresti la tua musica?

Mi ritengo un artista fuori dalle righe, non voglio le ali tappate perché mi catalogano su un genere solo. La mia passione al cantautorato si muove di più sulla mia voce soul e si sviluppa su più generi. La mia strada ora mi ha portato a scrivere e produrre un album in italiano, cosa che per ora raggiunge il mio modus espressivo.

 

  • Parlaci del nuovo singolo “Una come te”

Il nuovo singolo appena uscito, non era programmato come lancio dell’album, ma ascoltandolo mi è piaciuto talmente tanto che ho convinto Marco Adami a proporlo da subito. E’ un brano uscito qualche anno fa, ma non aveva avuto un grande riscontro e siccome “stona” rispetto ai brani presenti oggi, nelle radio lo abbiamo arrangiato in chiave più moderna e diversa così ne è uscito questo brano che mi rende felice.

 

  • Hai dei musicisti storici maestri e ispiratori?

Sinceramente e non mi vergogno a dirlo ho una forma di amore non platonico per Michael Jackson che mi ha caratterizzato per tutta la vita adolescenziale. Chi ha la fortuna di fare come me questo lavoro di musicista e cantante deve avere la consapevolezza del messaggio che trasmette al pubblico: il mio messaggio è di pace e serenità, le persone devono volersi bene.

 

  • Da dove deriva la tua ispirazione?

E’ il quotidiano, uso moltissimo i messaggi vocali per registrare qualsiasi cosa mi attrae e qualsiasi cosa mi viene in mente in quel momento.

 

  • Preferisci un pubblico attento o di massa?

Per la musica che propongo, preferisco il pubblico di nicchia, cioè che capisca quello che dico. Ringrazio tutto il mio pubblico perché mi ha aspettato in questo periodo di silenzio e anticipo l’uscita dell’album che parla dell’amore che sento e ho provato.

 

  • Malandrino, oltre alla musica ha altre passioni?

Si certo, le moto, old style, vintage faccio raduni. Poi odio la palestra, ma ci vado perché fa bene. Partirei per la “Route 69 On the Road” con un libro e vivere libero.

 

Titolo: Una come te

Etichetta: Colosseo Sound Factory

 

 

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*