Home / Rubriche / Recensioni / Recensione Album: The Screen Behind the Mirror ENIGMA
new age, musica, enigma, romania
Recensione - Album ENIGMA

Recensione Album: The Screen Behind the Mirror ENIGMA

Michael Cretu padre della band

Gli ENIGMA li conosciamo da molti anni sulla scena musicale italiana, ma pochi conoscono la loro provenienza. Madre della band è la Romania insieme al suo ispiratore Michael Cretu. Per noi un genio della musica, tanto da abbinare sonorità new age ai Carmina Burana e alla dance commerciale, viva Anni 90.

“The Screen Behind the Mirror” è il quarto album della band rumena, dove Michael Cretu insierisce anche la sua voce e quella voce della moglie nascosta tra le note. L’album è stato registrato agli A.R.T. Studios di Ibiza, Spagna, su licenza della Virgin Germany (Virgin Schallplatten GmbH) e pubblicato nel 2000. Criticato e osannato contemporaneamente, alla luce è per quei anni un forte messaggio musicale al di fuori dei soliti canoni. L’album è denso d’idee, forse non originali, ma disposte furbescamente in ordine giusto: usa come esempio il cantato al contrario in “Endless quest”, la voce femminile sussurrata della moglie nel tessuto musicale e “Silence must be heard” è la melodia migliore mai uscite dalla penna, dai sintetizzatori e dalla mente artistica di Michael Cretu.

Biografia

Michael Cretu nasce a Bucarest in Romania nel 1957, è naturalizzato tedesco ed è un personaggio noto perché sposa la cantante pop Sandra, producendo per lei il famoso brano intitolato, ”Maria Magdalena” ballato in tutta Europa. Studia pianoforte e si trasferisce a Parigi nel 1968, ma è a Francoforte sul Meno, in Germania, dove si trasferisce stabilmente dal 1975 e conosce nomi come Frank Farian, il cofondatore dei Milli Vanilli e dei Boney M. Siamo nel 1985, esce il brano “Samurai”, contenuto nel suo terzo album, “Die Chinesische Mauer”, e diventa il brano eurodance più ballato.

Il progetto ENIGMA sorge nel 1990 come il titolo del primo album “MCMXC a.D.” e si colloca come nuovo stile musicale, facendo unire gli antichi canti gregoriani da chiesa e il suono delle moderne tastiere elettroniche, componendo uno stile tipicamente new-age. Con “Return to innocence” nel 1994 si ha la conferma del pubblico al grande successo del progetto.

Traklist

The Gate – 2:04

Push the Limits – 6:26

Gravity of Love – 3:58

Smell of Desire – 4:57

Modern Crusaders – 3:50

Traces (Light and Weight) – 4:11

The Screen Behind the Mirror – 3:58

Endless Quest – 3:06

Camera Obscura – 1:27

Between Mind & Heart – 4:09

Silence Must Be Heard – 5:19

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*