Home / Rubriche / Recensioni / Simone Leon Perron: recensione album “Via da qui”
Simone Leon Perron musica album Via da qui

Simone Leon Perron: recensione album “Via da qui”

Album di viaggi e movimento

La scoperta quotidiana di artisti talentuosi e bravi, oggi si ferma a casa di Simone Leon Perron. L’artista esce con il suo terzo album d’inediti dal titolo “Via da qui” dopo il successo degli album “Come se fossi Dio” e “Gli eroi muoiono”.

La particolare vena artistica rende Leon un autentico apripista mediatico originale: l’album è presente in tutti gli store digitali, in più sono stampate cento copie numerati in CD e “simil vinile 45 giri” disponibili sul sito di www.vrec.it o sui profili ufficiali dell’artista.

Con l’album “Via da qui” Simone Leon Perron concepisce un viaggio che inizia dalla chitarra acustica e percorre suoni di voce, un viaggio e movimento, in cui si sperimenta sonorità dal sapore internazionale.

I brani sono alquanto intensi e ascoltabili, forte di una spiccata volontà di cantautorato.

La nostra confezione presenta il numero PR/100 VREC241 con la produzione di Pietro Foresti, il mix e mastering di David Gnozzi e foto di Daniele Camisasca.

Biografia

Simone “Leon” Perron è un cantautore di Aosta, cantante e chitarrista che vive la sua arte tra il pop e il rock.

L’album di esordio s’intitola “Come se fossi dio” e nel 2016 esce il suo secondo album, “Gli eroi muoiono”, con il quale riesce a diventare un cantautore apprezzato e stimato in tutta Italia.

Simone Leon Perron partecipa al Pistoia Blues Festival 2016 come opening act. Siamo nel 2019 quando esce il terzo album “Via da qui” conosciuto per la sua attitudine live acustica, con chitarra, voci e loop machine, nella quale propone i suoi brani in maniera autentica e diretta.

Tracklist

  1. E allora guida – 03:34
  2. L’inverno che non c’è – 03:45
  3. Non sono io – 03:20
  4. Mentimi – 02:33
  5. Ti muovi – 03:26
  6. Toy Boy – 03:23
  7. Treni – 03:42
  8. Tornerai – 03:11
  9. Giorgia – 03:17
  10. Via da qui – 04:24

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*