Home / Artisti / Valentina Gaia
colonne sonore, elena ferrante
Valentina gaia

Valentina Gaia

Colonna sonora di Ferrante Fever

 Valentina Gaia è il nuovo volto del roster Metraton e la firma insieme al produttore musicale Andrea Bergesio della colonna sonora originale del film-documentario “Ferrante Fever” di Giacomo Durzi, una pellicola dedicata al caso letterario del momento.

Un progetto culturale molto interessante che unisce, letteratura, cinema, arte e musica e si propone al grande pubblico come modello da interpretare e seguire. Noi siamo partiti con la stessa visione e ci interessa oltremodo comunicare chi permette di intraprendere una strada come questa.

Il progetto Ferrante Fever

Molti si chiederanno qual è il nuovo caso letterario: si tratta del successo internazionale della scrittrice Elena Ferrante, che spopola in tutto il mondo con i suoi romanzi. Si pensa che Elena Ferrante sia uno pseudonimo e questo sfondo misterioso alimenta ancora di più il progetto cinematografico di Ferrante Fever. E il brano Fever Song, che accompagna i titoli di coda del film-documentario è nato dopo un’attenta lettura dei romanzi di Elena Ferrante una scrittrice senza volto. Il fascino di questa realtà letteraria italiana si trova nel suo caratteristico e originale mondo narrativo.

È oltretutto interessante l’interpretazione artistica delle diverse forme di cultura, mettendole semplicemente in dialogo tra di loro, risultando più semplici da trasmettere al pubblico.

Valentina Gaia

La pellicola è un tentativo di dar voce e rappresentazione visiva alla produzione letteraria di Elena Ferrante, leggendola e interpretandola e Valentina Gaia con il suo brano che avvolge l’anima narrativa della scrittrice.

Valentina Gaia è la protagonista della colonna sonora del film-documentario e la pubblicazione di Fever Song è solo il primo passo del sodalizio artistico tra la musicista e Metatron, traguardo che anticipa nuovi progetti di collaborazione editoriale e discografica.

Il successo internazionale della scrittrice Ferrante scuote tutt’oggi un ambiente librario fermo a causa della continua apatia nel leggere. E’ importante scuotere il pubblico alla lettura perché apprendere mantiene viva la percezione mentale.

La lettura dei romanzi della Ferrante insieme all’autentico successo di lettori ha fatto sorgere una nuova idea creativa, tanto da unire vari generi: il brano Fever Song, che accompagna i titoli di coda del film-documentario è un’attenta riflessione figurativa e interpretativa delle parole che compongono gli scritti. La necessità di trasmettere il pensiero della scrittrice a tutti ha reso necessaria anche una notevole attività di traduzione fedele e circoscritta. Il non volto della Ferrante la rende misteriosa e affascinante per ciò che scrive e il fascino di questa realtà letteraria italiana si trova nel suo caratteristico e originale mondo narrativo.

L’ossessività del pensiero ricorrente

Valentina Gaia ci racconta il suo pensiero: “Ho cercato di trasmettere la sensazione che provo quando davvero un’opera mi conquista, mi rapisce e non riesco e non voglio smettere di esserne immersa completamente; questo per me è la Fever. Con Andrea abbiamo lavorato a livello sonoro per ricostruire l’ossessività del pensiero ricorrente di ciò che ti aggancia, in particolare nell’opera di Ferrante il momento in cui sono stata presa all’amo è lo stesso che descrive Franzen :”You’re my Brilliant Friend, you have to be the best of all, boys and girls”, è un ribaltamento di sguardo fortissimo che ho avvertito fisicamente, come credo sia avvenuto per la maggior parte dei milioni di lettori in tutto il mondo.”

Il film-documentario è presente in tutte le sale italiane e sarà trasmesso in televisione sulle reti RAI e Sky Arte e il singolo Fever Song è disponibile su tutte le piattaforme digitali e in rotazione sulla nostra radio.

Proviamo a superare le forme del genere e arricchiamoci di cultura in tutte le sue forme, senza riconoscere quale essa sia.

 

 

 

 

Redazione

Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*